Visitatore   Login

Protezione dati-PRIVACY

Altro

Protezione dati-PRIVACY

di Mauro Alovisio (Personale unito.it)

presentazione: perché questo blog?

costruisco questo blog sperimentale  per creare uno spazio di confronto, interazione, multidisciplinare in materia di  protezione dei dati e di privacy. 

Mi sforzerò di utilizzare un linguaggio semplice e divulgativo malgrado la materia complessa e tecnica. Si tratta di una materia in continua evoluzione sociologica, tecnica e giuridica  che riguarda molteplici aspetti delle nostre vite sia come cittadini, sia come lavoratori, sia come consumatori e con un forte  impatto per le aziende e gli enti pubblici.

Benvenuti a bordo  in questa avventura !!

per eventuali contatti : mauro.alovisio@unito.it

Mauro Alovisio, giurista, formatore e autore di pubblicazioni e articoli su riviste specializzate,  è  componente della commissione Informatica del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Torino; fellow del Centro di ricerca  su Internet e società Nexa,  è presidente dell'associazione senza finalità di lucro sui diritti digitali  Centro Studi di Informatica Giuridica di Ivrea-Torino

 

 


Martedì, 11 Febbraio 2014 11:48:30

mercoledì Nexa 12 febbraio 2104 ore 18-20 "Le disfide dei GuarDroni: la robotica civile tra privacy e sicurezza ".

Mauro Alovisio - 0 Commenti

Segnalo che si svolgerà Domani 12 febbraio 2014 dalle ore 18 alle ore 20,
 il 61° Mercoledì di Nexa, con un incontro  dal titolo: " Le disfide dei GuarDroni: la robotica civile  tra privacy e sicurezza ".


All'incontro parteciperà Ugo Pagallo  professore  ordinario di filosofia del diritto presso il  Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli  Studi di Torino.

La robotica è tra i settori più affascinanti e dinamici dell’odierna rivoluzione tecnologica; certamente, quello che raccoglie buona parte dei fondi stanziati dall’esercito USA per gli studi sull’intelligenza artificiale. Oltre ai droni militari e simili, tuttavia, la ricaduta civile di simili ricerche comincia a inondare il mercato: RPAs, robot badanti e giocattolo, segretari artificiali e simili. Di questo tema discuterà, in occasione del 61° Mercoledì di Nexa, Ugo Pagallo, professore ordinario di filosofia del diritto presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Torino e faculty fellow del Centro Nexa su Internet & Società.

In questo contesto si tratta di mettere a fuoco il necessario bilanciamento tra le varie esigenze in gioco: da un lato, il diritto alla privacy con la tutela di dati che sono, più spesso, trattati da agenti artificiali connessi alla rete di Internet. Dall’altro, ragioni di sicurezza che riguardano, ora, il motivo per cui questi agenti vengono impiegati per aver cura della vostra villa o magazzino, ora, per evitare che simili agenti siano preda degli attacchi di cracker. Lungi dall’essere luoghi da fantascienza, bisogna piuttosto capire che il futuro

- See more at: http://nexa.polito.it/mercoledi-61#sthash.u8gtTCc7.dpuf

La robotica è tra i settori più affascinanti e dinamici dell’odierna rivoluzione tecnologica; certamente, quello che raccoglie buona parte dei fondi stanziati dall’esercito USA per gli studi sull’intelligenza artificiale. Oltre ai droni militari e simili, tuttavia, la ricaduta civile di simili ricerche comincia a inondare il mercato: RPAs, robot badanti e giocattolo, segretari artificiali e simili. Di questo tema discuterà, in occasione del 61° Mercoledì di Nexa, Ugo Pagallo, professore ordinario di filosofia del diritto presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Torino e faculty fellow del Centro Nexa su Internet & Società.

In questo contesto si tratta di mettere a fuoco il necessario bilanciamento tra le varie esigenze in gioco: da un lato, il diritto alla privacy con la tutela di dati che sono, più spesso, trattati da agenti artificiali connessi alla rete di Internet. Dall’altro, ragioni di sicurezza che riguardano, ora, il motivo per cui questi agenti vengono impiegati per aver cura della vostra villa o magazzino, ora, per evitare che simili agenti siano preda degli attacchi di cracker. Lungi dall’essere luoghi da fantascienza, bisogna piuttosto capire che il futuro

- See more at: http://nexa.polito.it/mercoledi-61#sthash.u8gtTCc7.dpuf

La robotica è tra i settori più affascinanti e dinamici dell’odierna rivoluzione tecnologica; certamente, quello che raccoglie buona parte dei fondi stanziati dall’esercito USA per gli studi sull’intelligenza artificiale. Oltre ai droni militari e simili, tuttavia, la ricaduta civile di simili ricerche comincia a inondare il mercato: RPAs, robot badanti e giocattolo, segretari artificiali e simili. Di questo tema discuterà, in occasione del 61° Mercoledì di Nexa, Ugo Pagallo, professore ordinario di filosofia del diritto presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Torino e faculty fellow del Centro Nexa su Internet & Società.

In questo contesto si tratta di mettere a fuoco il necessario bilanciamento tra le varie esigenze in gioco: da un lato, il diritto alla privacy con la tutela di dati che sono, più spesso, trattati da agenti artificiali connessi alla rete di Internet. Dall’altro, ragioni di sicurezza che riguardano, ora, il motivo per cui questi agenti vengono impiegati per aver cura della vostra villa o magazzino, ora, per evitare che simili agenti siano preda degli attacchi di cracker. Lungi dall’essere luoghi da fantascienza, bisogna piuttosto capire che il futuro

- See more at: http://nexa.polito.it/mercoledi-61#sthash.u8gtTCc7.dpuf

La robotica è tra i settori più affascinanti e dinamici dell’odierna rivoluzione tecnologica; certamente, quello che raccoglie buona parte dei fondi stanziati dall’esercito USA per gli studi sull’intelligenza artificiale. Oltre ai droni militari e simili, tuttavia, la ricaduta civile di simili ricerche comincia a inondare il mercato: RPAs, robot badanti e giocattolo, segretari artificiali e simili. Di questo tema discuterà, in occasione del 61° Mercoledì di Nexa, Ugo Pagallo, professore ordinario di filosofia del diritto presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Torino e faculty fellow del Centro Nexa su Internet & Società.

In questo contesto si tratta di mettere a fuoco il necessario bilanciamento tra le varie esigenze in gioco: da un lato, il diritto alla privacy con la tutela di dati che sono, più spesso, trattati da agenti artificiali connessi alla rete di Internet. Dall’altro, ragioni di sicurezza che riguardano, ora, il motivo per cui questi agenti vengono impiegati per aver cura della vostra villa o magazzino, ora, per evitare che simili agenti siano preda degli attacchi di cracker. Lungi dall’essere luoghi da fantascienza, bisogna piuttosto capire che il futuro

- See more at: http://nexa.polito.it/mercoledi-61#sthash.u8gtTCc7.dpuf

La robotica è tra i settori più affascinanti e dinamici dell’odierna rivoluzione tecnologica; certamente, quello che raccoglie buona parte dei fondi stanziati dall’esercito USA per gli studi sull’intelligenza artificiale. Oltre ai droni militari e simili, tuttavia, la ricaduta civile di simili ricerche comincia a inondare il mercato: RPAs, robot badanti e giocattolo, segretari artificiali e simili.

In questo contesto si tratta di mettere a fuoco il necessario bilanciamento tra le varie esigenze in gioco: da un lato, il diritto alla privacy con la tutela di dati che sono, più spesso, trattati da agenti artificiali connessi alla rete di Internet. Dall’altro, ragioni di sicurezza che riguardano, ora, il motivo per cui questi agenti vengono impiegati per aver cura della vostra villa o magazzino, ora, per evitare che simili agenti siano preda degli attacchi di cracker. Lungi dall’essere luoghi da fantascienza, bisogna piuttosto capire che il futuro.

Ingresso libero, webcast live all'indirizzo:
http://nexa.polito.it/upcoming-events


Maggiori informazioni sono disponibili all'indirizzo:
http://nexa.polito.it/mercoledi-61


Venerdì, 17 Gennaio 2014 08:57:48

Droni, immagini e privacy, regolamento dell' Enac il primo in Europa!

Mauro Alovisio - 0 Commenti

 'L’Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (ENAC)  ha  emanato, dopo una consultazione pubblica, il primo regolamento in sui droni ( Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto), un settore di enorme sviluppo per la ricerca e l'occupazione nel nostro Paese.
Il testo (uno dei primi in Europa)  entrerà in vigore il prossimo 17 febbraio 2014 è  consultabile al link:(http://www.enac.gov.it/La_Normativa/Normativa_Enac/Regolamenti/Regolamenti_ad_hoc/info-122671512.htm)

 Il regolamento costituisce un punto di riferimento fondamentale per i progettisti, costruttori, piloti, imprese e start up.

Il regolamento disciplina anche i profili relativi alla sicurezza e  protezione dei dati personali in quanto i droni  possono essere formidabili strumenti di rilevazione e registrazione immagine, trasmissione di dati nell'attuale scenario dell'Internet degli oggetti. 

L'Enac ha organizzato una serie di workshop di presentazione del testo e delle relativo impatto sotto il profilo tecnico-giuridico (il prossimo 22 gennaio a Roma).

Torino è stata la prima  città italiane ad utilizzare i droni in ambito di sicurezza urbana e nell'ambito sportivo,ed è una delle prime città in Europa a sviluppare, grazie all'Università  degli Studi di Torino ed il  Politecnico di Torino, specifici progetti di ricerca sui droni con importanti prossime ricadute nella vita quotidiana di  cittadini e imprese.


Lunedì, 07 Ottobre 2013 10:29:01

Ricerca del Censis: il valore della privacy nell'era della comunicazione: presentazione risultati

Mauro Alovisio - 0 Commenti

 dal sito del garante preivacy:

Ricerca Censis: Il valore della privacy nell'"era biomediatica"

Come si è trasformato il concetto di privacy in un'epoca in cui l'importanza dell'individuo si esprime nell'esposizione continua del sé digitale e in cui la condivisione attraverso i social network sembra prevalere sul diritto alla riservatezza? Come sta cambiando il concetto di privacy nella percezione dei cittadini italiani? E' ancora un valore da proteggere e custodire? Quale è il valore dei dati personali in un'economia basata sulla conoscenza e sulla gestione di ingenti quantità di informazioni?

Sono solo alcune delle questioni affrontate nella ricerca realizzata dal Censis sul tema "Il valore della privacy nell'epoca della personalizzazione dei media".

La ricerca sarà presentata lunedì 7 ottobre alle ore 10.00  presso la Sala delle conferenze del Garante per la protezione dei dati personali, Piazza di Monte Citorio, 123/A – Roma.

Ricerca Censis: Il valore della privacy nell'"era biomediatica"

Come si è trasformato il concetto di privacy in un'epoca in cui l'importanza dell'individuo si esprime nell'esposizione continua del sé digitale e in cui la condivisione attraverso i social network sembra prevalere sul diritto alla riservatezza? Come sta cambiando il concetto di privacy nella percezione dei cittadini italiani? E' ancora un valore da proteggere e custodire? Quale è il valore dei dati personali in un'economia basata sulla conoscenza e sulla gestione di ingenti quantità di informazioni?

Sono solo alcune delle questioni affrontate nella ricerca realizzata dal Censis sul tema "Il valore della privacy nell'epoca della personalizzazione dei media".

La ricerca sarà presentata lunedì 7 ottobre alle ore 10.00  presso la Sala delle conferenze del Garante per la protezione dei dati personali, Piazza di Monte Citorio, 123/A – Roma.

Alla presentazione della ricerca, che sarà illustrata da Giuseppe Roma, direttore del Censis, interverranno Giuseppe De Rita, Presidente del Censis, Antonello Soro, Presidente dell'Autorità Garante per la Protezione dei dati personali e Luca De Biase, giornalista del Sole 24Ore

 


Mercoledì, 20 Marzo 2013 11:10:14

I sistemi Informativi sanitari, tra agenda digitale, cloud e sicurezza, Torino 22 febbraio 2013

Mauro Alovisio - 0 Commenti

"I sistemi Informativi sanitari, tra agenda digitale, cloud e sicurezza" 

Pubblichiamo sul blog alcune relazioni del convegno gratuito "I sistemi Informativi sanitari, tra agenda digitale, cloud e sicurezza"svoltosi a Torino il 22 febbraio 2013 e organizzato dalle associazioni senza finalità di lucro: Privacy Information Healthcare Manager e Centro Studi di informatica Giuridica di Ivrea-Torino in particolare gli interventi sul cloud, sulla dematerializzazione dei documenti; sulle novità del regolamento europeo in materia di privacy e sugli ads.

 


Sabato, 25 Agosto 2012 08:07:59

Surveillance or Security? The Risks Posed by New Wiretapping Technology, Milano 24 settembre 2012

Mauro Alovisio - 0 Commenti

Segnalo interessante lezione della  prof.ssa Susan Landau, Visiting Scholar al Computer Science Department della Harvard University ad oggetto:  “Surveillance or Security? The Risks Posed by New Wiretapping Technology" i  alle ore 14.30 presso, l’Aula Magna del Politecnico di Milano.

Durante l’incontro organizzato dal Tech and Law Center  Susan  http://www.techandlaw.net/talks/ la prof.ssa Landau presenterà alcuni dei temi trattati nella sua recente pubblicazione in tema di sorveglianza elettronica evidenziando l’interazione tra privacy, cybersecurity e public policy.

 Le nuove tecnologie di sorveglianza elettronica, infatti, non si scontrano solo con il problema della privacy, ma anche con quello della sicurezza informatica che sempre più spesso viene penalizzata dalle politiche del “controllo” sviluppate a livello nazionale e internazionale. I risultati dei suoi studi dimostrano, inoltre, come le intercettazioni telefoniche e telematiche abbiano, in termini di costi/benefici, un'efficacia limitata e come la crittografia non costituisca una reale soluzione per tutelare la privacy degli utenti. Questi ed altri interessanti spunti costituiranno la base per il dibattito successivo coordinato da Stefano Zanero, Francesca Bosco e Giuseppe Vaciago.

Per approfondimenti sul libro sulla sorveglianza elettronica e su altre pubblicazioni della Prof.ssa Landau. http://privacyink.org/


Mercoledì, 22 Agosto 2012 15:15:24

La conservazione legale dei documenti digitali in ambito sanitario convegno a Livorno il 1 ottobre 2012

Mauro Alovisio - 0 Commenti

 

Segnalo interessante convegno il prossimo 1 ottobre 2012 a Livorno  ad oggetto:

LA CONSERVAZIONE LEGALE DEI DOCUMENTI DIGITALI NEL SISTEMA SANITARIO: ONERI, COMPETENZE E PROFESSIONALITA'

 Il convegno è organizzato dall’associazione APIHM

Programma della manifestazione:

 08,30-09,00 Registrazione partecipanti

09,00-09,10 Apertura lavori della 1° Sessione - moderatore (Joseph Polimeni, Direttore Sanitario USL2)

09,10-09,20 Saluti di APIHM (Giovanna Bitonti, Vice Presidente APIHM)

09,20-09,30 Saluti di AITASIT (Riccardo Orsini, Vice Presidente AITASIT)

09,30-10,00 “La conservazione della Documentazione sanitaria, dal TU 445/00 al Codice dell'Amministrazione Digitale,stato dell'arte e criticità" (Alessandro Marucelli, Soprintendenza  Ministero Beni Culturali)

10,00-10,30 "La conservazione sostitutiva e il quadro normativo di riferimento, oneri e responsabilità" (Filomena Polito, Presidente APIHM)

10,30-10,40 Discussione

10,40-11,00 Pausa Caffè

11,00-11,10 Apertura lavori della 2° Sessione - moderatore (Simona Dei, Direttore Sanitario USL5 )

11,10-11,40 "Problematiche tecnologiche ed operative nella applicazione della conservazione sostitutiva” (Stefano Dalmiani, Socio APIHM, Direttore UOC INFOTEL Fondazione CNR/Regione Toscana “G. Monasterio” )

11,40-12,20 "Conservazione sostitutiva e tecnologia, l'esperienza dei sistemi informativi sanitari della Regione Lombardia" (Luca Chiantore, Socio APIHM, Direttore UO Sistema Informativo ASL di Mantova)

12,20-13,00 "L'esperienza della ASL Torino2  nella conservazione sostitutiva" (Gerardo Gatto, Conservatore Sostitutivo - Dirigente della UO Affari Generali della ASL Torino2, socio APIHM).

13,00-14,30 pausa pranzo

14,30-14,40 Apertura lavori della 3° Sessione  - moderatore (Mauro Giraldi, Direttore P.O. Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana)

14,40-15,00 “Conservazione sostitutiva, il punto di vista medico” (Davide Caramella, Direttore Sezione RX Universitaria Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana )

15,00-15,30 "Procedure di archiviazione legale in AVNO"(Riccardo Orsini, System Administrator ASL2 di Lucca , Vicepresidente AITASIT)

15,30-16,00 " I sistemi di radiologia di Area Vasta Nord Ovest e la sicurezza informatica " (Michele Fruzzetti, TSRM ASL2 di Lucca

16,00-16,10 Saluti (Luca Lavazza, Direttore Sanitario USL6 di Livorno)

16,10-17,00 Conclusione lavori a cura di APIHM e AITASIT e test ECM

 


Venerdì, 03 Agosto 2012 20:57:43

il software nelle pa: il decreto sulla crescita riscrive l'art. 68 del Cad largo al software libero!!!

Mauro Alovisio - 0 Commenti

oggi 3 agosto 2012 il Senato ha approvato il Disegno di legge n. 5312-A Conversione in legge del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, recante misure urgenti per la crescita del Paese

L'art. 22 comma 10  del disegno di legge riscrive completamente  l'art. 68  del codice dell’amministrazione digitale  decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 in materia di sofwtare nelle pubbliche amministrazioni ed in un'ottica di raziionalizzazione e di semplificazione prevede che :

1. Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti di essi a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico

tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato:

a)software sviluppato per conto della pubblica amministrazione;

b) riutilizzo di software o parti di esso sviluppati per conto della pubblica amministrazione;

c) software libero o a codice sorgente aperto;

d) software combinazione delle precedenti soluzioni.

Solo quando la valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico dimostri l’impossibilità di accedere a soluzioni open source o già sviluppate all’interno della pubblica amministrazione ad un prezzo inferiore, è consentita l’acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d’uso.

La valutazione di cui al presente comma è effettuata secondo le modalità ed i criteri definiti dall’Agenzia per l’Italia digitale, che, a richiesta di soggetti interessati, esprime altresì parere circa il loro rispetto.

La norma è in sè rivoluzionaria e segna un passaggio culturale importante verso sia il riutilizzo del software ed il software libero; resta arduo per le pubbliche amministrazioni effettuare la valutazione comparativa.. (basti pensare ai piccoli comuni) inoltre l'ultimo dubbio la nascitura Agenzia per l'Italia digitale sarà in grado in tempi utili ad indicare le modalità  ed in criteri con cui effettuare la sopr citata valutazione?

Per ulteriori approfondimenti:

Art. 22, comma 10 Legge 7 agosto 2012, n. 134 di conversione del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, recante misure urgenti per la crescita del Paese. (GU n. 187 del 11-8-2012 - Suppl. Ordinario n.171)

http://blog.wired.it/codiceaperto

http://scialdone.blogspot.it/2012/08/sono-diventato-legge-ovverosia-il-nuovo.html

 


Martedì, 24 Luglio 2012 21:56:28

Video della giornata sulla trasparenza del 4 luglio 2012 Università di Torino in sinergia con il Politecnico di Torino

Mauro Alovisio - 1 Commenti


Venerdì, 20 Luglio 2012 17:19:27

Diritto all'internet gratuito: proposta di legge innovativa in Valle di Aosta

Mauro Alovisio - 0 Commenti

 

segnalo due interessanti  e innovative proposte di leggi regionali in materia di diritti digitali  della regione Valle di Aosta: proposta n. 203 del  9 luglio 2012 ad oggetto: "Disposizioni in materia di libertà e gratuita di accesso alla rete internet nel territorio regionale "; proposta 33 ad oggetto  "Disposizioni in materia di trasparenza amministrativa e pubblicità dell'attività politica e amministrativa".

Le proposte in fase di approvazione evidenziano la scelta di internet come bene comune e spazio di libertà  in un contesto  di accesso gratuito ad internet tramite rete wireless regionale e  di  fruizione   dei servizi digitali da parte  di tutti i soggetti  che transitano nel territorio regionale ( e non solo i residenti). La Regione Valle di Aosta  può costituire insomma un piccolo  ma importante laboratorio per l'applicazione del principio del libero accesso ad internet  e dell'Open governement nell'ottica di incentivare la partecipazione all'attività politica e amministrativa informata e consapevole dei cittadini.

Le  sopra citate proposte di legge  sono state presentate dal partito ALPE (Autonomie - Liberté - Participation - Écologie) ma su tenatiche così importanti si spera di raggiungere una convergenza bipartisan nell'interesse di tutti i citatdini, imprese e associazioni.


Venerdì, 20 Luglio 2012 15:45:31

Smart city, le città intelligenti per cittadini,imprese e pubbliche amministrazioni: consultazione entro il 19 agosto 2012

Mauro Alovisio - 0 Commenti

 

Segnalo interessante consultazione pubblica  on line a cura di DigitPa aperta fino al 19 agosto ai contributi di Università, Centri di ricerca , associazioni di imprese  sul seguente   documento ad oggetto   raccomandazioni  alla pubblica amministrazione per la definizione e sviluppo di un modello tecnologico di riferimento per le  smart city.

Il documento approfondisce ed illustra alcuni case study di città intelligenti  nei settori della E-ducation, mobilità; trasporti e logistica;  energia ed edilizia intelligente; sicurezza pubblica urbana; ambiente e risorse naturali; Turismo e cultura, Sanità Intelligente e assistenza;  Spazi pubblici e aggregazione sociale; e-goverment e fornisce alcuni suggeruimenti importanti sotto i profili  della governace, sostenibilità del progetto;  protezione dei  dati, standard e riuso; crescita sostenibile  occupazione:

http://www.digitpa.gov.it/smart-city-pa-consultazione-pubblica-dello-schema-documento

 Il documento conferma il ruolo fondamentale del profilo della protezione dei dati personali nella costruzione  di sistemi interoperabili e nella sicurezza delle informazioni.  

 In materia di smart city segnalo  anche il recente   bando ministeriale del MIUR  (per un importo di 635  milioni di euro) per progetti nel settore dell'innovazione:

 http://www.istruzione.it/web/ricerca/smart-cities-and-communities-and-social-innovation

 

 1 UTENTE ONLINE

  • 1 Visitatore

 816 BLOG ONLINE

  • 331 Blog Pubblici
  • 485 Riservati alla Community

Università degli Studi di Torino

Via Verdi, 8 - 10124 Torino

Centralino +39 011 6706111

P.I. 02099550010

C.F. 80088230018

IBAN IT07N0306909217100000046985

Creative Commons License

Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5